Home » L'Ente Gestore » I progetti » LIFE Natura DuneTosca

Il progetto

PROGETTO LIFE NATURA “DUNETOSCA” Conservazione degli ecosistemi costieri nella Toscana settentrionale

Finanziatori

Il progetto è finanziato dall'Unione Europea, dall'Ente Parco Regionale Migliarino San Rossore Massaciuccoli, dalla Regione Toscana, dalla Provincia di Pisa e dal Comune di San Giuliano Terme.


Gli Autori

Il progetto è stato ideato in collaborazione fra l'Ente parco regionale Migliarino San Rossore Massaciuccoli (Antonio Perfetti), NEMO srl – Firenze (Leonardo Lombardi, Linda Colligiani e Paolo Sposimo) e il Museo La Specola di Firenze (Paolo Agnelli).


Il Gruppo di lavoro

Paolo Agnelli (Museo di Storia Naturale dell'Università di Firenze); Andrea Balestri, Stefano Cavalli, Giuseppe Chelotti, Mauro Dolfi, Stefania Donci, Luca Gorreri, Cristina Giardi, Massimo Griselli, Francesca Logli, Sergio Paglialunga, Antonio Perfetti, Andrea Porchera, Patrizia Vergari (Ente Parco MSRM); Linda Colligiani, Leonardo Lombardi, Marco Turini e Paolo Sposimo (NEMO srl, Firenze); Massimo del Guasta; Pietro Gattai; Gruppo speleologico pisano (CAI Pisa); Luca Puglisi; Marco Zuffi (Museo di Storia Naturale dell'Università di Pisa).


Il Progetto

I Progetti LIFE NATURA, cofinanziati dall'Unione europea, intendono conservare (in senso attivo) e promuovere ecosistemi di particolare rilievo naturalistico a livello europeo, inseriti in una rete di siti chiamati, appunto, "di importanza comunitaria" (Rete Natura 2000). Gli strumenti normativi utilizzati sono dunque le direttive comunitarie "Uccelli" (Dir. 79/409/CEE) ed "Habitat" (Dir. 92/42/CEE) per quanto riguarda la conservazione e la gestione degli habitat e delle specie vegetali e animali.

Le azioni di conservazione sono di fondamentale importanza per recuperare habitat in fase di degrado a causa delle attività antropiche: la mancanza di interventi o la semplice conservazione passiva non riuscirebbe a fermare l'evoluzione di tali ecosistemi, che, negli ultimi decenni, si è protratta nella direzione "sbagliata" tendendo alla totale scomparsa di ambienti di qualità primaria per quanto concerne la flora, la vegetazione e la fauna.

Ancora oggi, ad esempio nelle zone umide, migliaia di uccelli migratori e molte altre specie scelgono questi ambienti per nidificare o anche per trascorrervi l'inverno; lo spettacolo del passaggio di tali animali costringe spesso chiunque a soffermarsi per contemplarlo, ma il pericolo che si cali il sipario su di esso è serio e reale, come stanno ad indicare le minacce come quelle di cui si parla più avanti.

Obiettivo primario di questo Progetto LIFE NATURA è quindi quello di recuperare la valenza naturalistica dei siti proposti di interesse comunitario (pSIC) denominati "Selva Pisana" e "Dune Litoranee di Torre del Lago", in particolare del cordone dunale sabbioso e degli stagni retrodunali. Nel frattempo, si cerca anche di sensibilizzare i fruitori delle spiagge interessate dal Progetto sui motivi che spingono l'Ente Parco ad affrontare le tematiche inserite nel Progetto stesso: si intende quindi anche sviluppare un turismo sostenibile in cui ognuno sia cosciente sia delle potenzialità naturalistiche sia dei pericoli che i lidi ove trascorre le proprie vacanze hanno in carico; coscienza collettiva che farebbe crescere l'interazione positiva tra uomo ed ambiente in queste zone con conseguente miglioramento della funzionalità naturalistica dei pSIC.


(foto di PR Migliarino San Rossore Massaciuccoli)
Dune
(foto di Ugo Macchia)