Home » L'Ente Gestore » I progetti » Area critica del Lago di Massaciuccoli » La questione del Lago di Massaciuccoli

Introduzione

Il lago e il padule di Massaciuccoli, situati nella parte nordorientale del parco Migliarino San Rossore Massaciuccoli, occupano una superficie di circa 2.000,00 ha. L'area di rilevante interesse naturalistico che presenta una rilevante diversità biologica, è di formazione palustre. Data la posizione geografica del lago e le attività che si sono sviluppate, soprattutto nel corso del XX secolo, nel suo intorno molteplici sono i problemi di questa area. Nel corso del secolo scorso sono diminuiti gli apporti di acqua proveniente dalle sorgenti, progressivamente utilizzati a fini potabili, restando come fonte principale di approvvigionamento le acque piovane, che giungono al lago dai terreni coltivati in territori bonificati all'inizio del novecento. L'arricchimento di nutrienti dovuto alla dilavazione dei terreni agricoli ricchi di concimi, ai nutrienti liberati dalla mineralizzazione della torba, agli scarichi civili e industriali che per lungo periodo sono stati sottoposti ad un'attenta valutazione hanno innescato un processo degenerativo della qualità delle acque. L'Ente Parco ha ritenuto perciò di individuare quale obiettivo primario l'analisi dei problemi, l'individuazione degli interventi necessari alla loro soluzione e l'attuazione degli stessi, pur nella consapevolezza che non poteva essere l'unico soggetto ad intervenire, date le competenze specifiche dell'Ente e le risorse in termini di risorse strumentali ed umane di cui disponeva.

Un'attenzione particolare ai problemi del lago è iniziata agli inizi degli anni novanta del secolo scorso, con l'attivazione di uno studio approfondito teso ad evidenziare i problemi del lago, le sue cause ed ipotesi di interventi proposti. Il Parco ha poi coinvolto i vari soggetti competenti per l'attuazione degli interventi ritenuti necessari.

Nei primi anni del duemila, presa consapevolezza della complessità dei problemi da affrontare è stato istituito un comitato degli Enti interessati, formato da: Regione Toscana, Autorità di Bacino del Fiume Serchio, Ente Parco Regionale Migliarino San Rossore Massaciuccoli, Comune di Viareggio, Comune di Massarosa, Comune di Vecchiano, Provincia di Pisa, Provincia di Lucca, Consorzio di Bonifica Versilia - Massaciuccoli, ARPAT che stanno condividendo il percorso per l'attuazione delle soluzioni prospettate.

Di seguito sono brevemente descritti i problemi del lago e padule di Massaciuccoli, gli obiettivi fissati per il risanamento, le azioni individuate gli interventi previsti quelli che sono stati attuati e quelli che devono essere attivati, riferendoci agli ultimi venti anni.