Home » L'Ente Gestore » I progetti » Area critica del Lago di Massaciuccoli » La questione del Lago di Massaciuccoli

Interventi da attuare

Gli interventi che si ritengono necessari per il risanamento del lago e non ancora attuati sono i seguenti:

  • Dismissione del depuratore di Vecchiano e trasferimento delle acque nere raccolte al depuratore di San Jacopo, a Pisa, dopo il suo adeguamento. Per questi lavoro sono state reperite le risorse finanziarie, ed i lavori sono in corso.
  • Interventi di adeguamento sulla pompa di rilancio della fognatura che conduce le acque nere da Torre del lago al depuratore di Viareggio.
  • Interventi di adeguamento della rete fognaria in alcune aree del comune di Viareggio e del comune di Massarosa.
  • Acquedotto industriale per l'utilizzo delle acque trattate a fini irrigui, con particolare attenzione alle attività florovivaistiche.
  • Completamento della messa in sicurezza della discarica delle Carbonaie. I lavori dell'ultimo lotto sono da poco iniziati.
  • Realizzazione di una conduttura e delle opere necessarie per il trasferimento di quantitativi significative delle acque del Serchio nel bacino del Massaciuccoli. È prevista una portata di 3 mc/sec. Il progetto è in fase di predisposizione da parte della Provincia di Pisa. Sono stati trovati i finanziamenti necessari attraverso un accordo quadro tra Ministero dell'Ambiente, Regione Toscana e tutti gli Enti interessati.
  • Fasce inerbite. Prevedere la sua attuazione attraverso un preventivo coinvolgimento degli agricoltori e la ricerca di finanziamenti. In alternativa prevedere forme di fitodepurazione delle acque prima della loro immissione nel bacino del Massaciuccoli, e modalità per fermare il materiale terroso dilavato dalle acque piovane, per contrastare il fenomeno di erosione dei terreni e di interrimento del lago.
  • Adeguate politiche agricole, da attivare da parte della Regione Toscana, per favorire le modalità colturali e le coltivazioni risultate più adeguate nello specifico studio per il lago di Massaciuccoli.
  • Progetto sperimentale di riallagamento e fitodepurazione delle acque, da parte del Consorzio di bonifica Versilia Massaciuccoli, di un terreno posto in comune di Vecchiano, nel quale la subsidenza ha raggiunto valori considerevoli.
  • Estendere progressivamente le azioni di biomanipolazione per ampliare con acqua chiarificata nelle quali può ritornare una catena trofica vitale.
  • Attuare la precipitazione dei materiali in sospensione e la successiva rimozione dei fondali limosi o in alternativa fissarli al suolo per impedire che le correnti rimettano in circolo nelle acque tali materiali, provocando una torbidità delle stesse e un proliferare di fitiplancton.
  • Eradicazione o forte diminuzione del del gambero rosso della Louisiana Procambarus clarkii, prevedendo non più la sua commercializzazione, oggi impedita dalla presenza nel suo corpo di microcistina sopra i limiti consentiti per il consumo umano, ma altre forme di utilizzo o, se non possibile diversamente, la sua distruzione.
  • Gestione costante del canneto e del falasco attraverso tagli a macchia di leopardo.
  • Monitoraggio ed interventi di protezione della sfagneta.