Home » L'Ente Gestore » I progetti

In volo dai Monti Pisani al lago di Porta, attraverso il padule di Massaciuccoli 2

Aree protette accessibili

L'Ente Parco Migliarino San Rossore Massaciuccoli, insieme agli altri soggetti che avevano condiviso l'esperienza del progetto di sistema sopra descritto, ha presentato "In volo dai Monti Pisani al lago di Porta, attraverso il padule di Massaciuccoli 2: aree protette accessibili", all'interno del quale propone alcune soluzioni volte ad estendere la potenzialità di accesso al territorio, anche ai portatori di handicap. Di seguito sono descritte le articolazioni del progetto.

Percorso didattico accessibile nell'area dell'ex vivaio forestale "Chiuso di Capomadria" detto anche "Sentiero dei Tre Pini"
L'itinerario è situato nell'area dell'ex-vivaio forestale denominata "Chiuso di Capomandria", in località San Piero a Grado. Il percorso didattico, che si sviluppa all'interno del bosco di latifoglie e di pino domestico per una lunghezza di circa 500 m., è stato attivato agli inizi degli anni '90 del secolo scorso e deve essere adattato per le esigenze dei diversamente abili. Inoltre viene prolungato di circa 200 m., per includere la visita ad una zona umida nella quale è stata negli ultimi anni sviluppata un'attività di inanellamento per gruccioni. Il percorso è arricchito dalla presenza di alcune strutture tipiche dell'attività di produzione del carbone, che aveva caratterizzato l'area sino alla metà del secolo scorso (capanna di rifugio e carbonaia) oltre ad una adeguata cartellonistica e bacheche illustrative (con scrittura anche in braille).
L'area presenta una grande varietà di specie, si passa infatti da ambienti con cenosi forestali prevalentemente a specie mesoigrofile - come il frassino, l'ontano, il pioppo bianco - ad aree con pinete miste a leccio, accompagnate dalla presenza di grosse querce, come la farnia. Nello sviluppo morfologico dell'area, l'ambiente prettamente di lama si alterna ad un ambiente di tombolo. All'interno del percorso è presente altresì un piccolo invaso contornato da specie particolari come il cipresso calvo, i gattici e la rara liana periploca greca.

Il percorso è stato completato ed inaugurato il 10 Aprile 2010.
Maggiori informazioni sull'accessibilità e le modalità di visita
Proposte di Educazione Ambientale
Il video dell'inaugurazione del percorso (Filmati di 50 canale e Granducato TV)

Percorso didattico accessibile nella tenuta Borbone, all'interno della riserva naturale della Lecciona
Il secondo percorso è localizzato nella riserva naturale denominata "Lecciona". Il tragitto ha una lunghezza di circa 1,5 km: Inizia di fronte al complesso architettonico della Villa Borbone ed arriva fino alla battigia del mare, "tagliando" trasversalmente la Macchia Lucchese.
Il percorso attraversa ambiente boscato sia mesoigrofilo che a pineta. Si evidenzia la presenza di un'area umida depressa in cui erano state collocate passerelle in legno, oggi distrutte. La nuova organizzazione del percorso, prevede il trattamento del fondo per renderlo accessibile, il rifacimento delle passerelle in legno e aree di sosta, attrezzate con sedute.
Durante il cammino, si può ammirare il progressivo susseguirsi di ambienti naturali diversificati. Le pinete di impianto antropico, con predominanza di pino domestico, si sovrappongono ad un sottobosco di lecci che si mostra particolarmente rigoglioso nelle zone dunali, mentre, nelle interdune acquitrinose, cede il posto al bosco di caducifoglie. Superata la zona forestale, il percorso prosegue nell'area retro-dunale fino alla zona degli arenili.

Il percorso è stato completato ed inaugurato l'8 Ottobre 2011.
Maggiori informazioni sull'accessibilità e le modalità di visita
Proposte di Educazione Ambientale
Il video dell'inaugurazione del percorso (Filmato di Rete Versilia News)

Percorso didattico accessibile nella tenuta di San Rossore: dune di Fiume Morto Vecchio
Il percorso didattico nella Tenuta di San Rossore è collocato nella Riserva Fiume Morto Vecchio.
L'itinerario si snoda attraverso la caratteristica pineta di San Rossore, fino a raggiungere il cordone dunale della fascia litorale. L'area boscata formata da boschi mesoigrofili, a fianco dell'antico alveo del fosso, prosegue poi, all'interno, come pineta specializzata a pino marittimo, fino a raggiungere l'ecosistema dunale. Data la particolare natura del luogo, il percorso medesimo presenta, nell'ultimo tratto, dislivelli di quota piuttosto significativi. Le dune risultano, infatti, in quest'area di altezza variabile fino a 8-10 mt, che viene raggiunta con un percorso sopraelevato in legno.
La vegetazione caratteristica di quest'area è del tipo psammofilo, e dalla sommità delle dune è possibile ammirare la fascia dell'arenile e il mare. Dalla sommità del percorso in legno è possibile godere di uno splendido panorama, formato ad ovest dal mare, a nord dalla città di Viareggio sovrastata dalle Alpi Apuane, ad est dalla zona dunale che lascia ben presto il posto al bosco e nella parte retrostante si elevano i Monti Pisani, poi volgendosi a sud, dietro il bosco, in lontananza, le colline pisane e più vicina la foce dell'Arno con l'abitato di Marina di Pisa.

Il percorso è stato completato ed inaugurato nel 2012.
Maggiori informazioni sull'accessibilità e le modalità di visita

Lago di Massaciuccoli veduta aerea
(foto di Del Vecchio Angelo)