Home » L'Ente Gestore » I progetti » LIFE Natura DuneTosca » Minacce

Diffusione specie esotiche

Minacce - 1. Diffusione di specie vegetali esotiche

La diffusione di dense formazioni vegetali a dominanza di specie esotiche (quali Amorpha fruticosa, Yucca gloriosa, Tamarix sp.pl., Elaeagnos argentea, ecc.), in parte legate a rimboschimenti effettuati negli anni '60, ha comportato la perdita, o l'alterazione, di habitat dunali e retrodunali di interesse comunitario o prioritari, con impatti diretti sulle specie di flora e di fauna legate a questi ambienti. In vaste aree del pSIC "Dune litoranee di Torre del Lago", in particolare nella porzione nord, tali dense formazioni hanno contribuito indirettamente (per l'attivazione dei fenomeni di interrimento) alla scomparsa quasi totale delle aree umide retrodunali. In alcune aree del pSIC "Selva Pisana", in particolare tra la località di Torre del Lago e la foce del Fiume Serchio, sono presenti densi yuccheti. Elementi isolati, o piccoli agglomerati sparsi di Yucca gloriosa, sono diffusi su tutta la fascia dunale.

Dove
All'interno del pSIC "Dune litoranee di Torre del Lago" le aree interessate dalle formazioni dense a dominanza di Amorpha fruticosa sono localizzate immediatamente a sud degli stabilimenti balneari della città di Viareggio, estendendosi per una fascia lunga circa 2500 m e larga mediamente circa 20-30 m. La diffusa presenza di Yucca gloriosa, con individui isolati o in gruppi sparsi, interessa tutta la fascia dunale del pSIC. Formazioni vegetali a prevalenza di specie esotiche (soprattutto Yucca gloriosa), sono diffuse su tutta la fascia dunale e retrodunale del pSIC "Selva Pisana"; estensioni e concentrazioni di maggiore rilevanza sono localizzate nella porzione nord, tra Torre del Lago e il canale Fiume Morto Nuovo.

Impatto su habitat o specie
Per quanto riguarda il pSIC "Dune litoranee di Torre del Lago", l'area d'intervento è soggetta a fenomeni di interrimento delle aree umide retrodunali con sostituzione delle cenosi autoctone per una superficie di circa 6 ha (ad es. Paludi calcaree con Cladium mariscus e specie del Caricion davallianae). L'Amorpha fruticosa sta infatti sostituendo le cenosi a cannuccia palustre Phragmites australis e a falasco Cladium mariscus, ancora presenti con piccoli nuclei residui per un'estensione totale di poco più di un ettaro. La diffusione di Yucca gloriosa sta alterando le caratteristiche dell'habitat prioritario Dune costiere con Juniperus spp. e di altri habitat dunali di interesse comunitario.

Le formazioni vegetali a prevalenza di specie esotiche sono diffuse nel pSIC "Selva Pisana" su una superficie complessiva di oltre 70 ha; nella porzione settentrionale del sito sono presenti aree con yuccheti particolarmente densi, per un'estensione di oltre 10 ha. A causa dell'elevata capacità di diffusione di questa specie, in queste aree è stato completamente compromesso lo sviluppo delle formazioni vegetali tipiche delle fasce dunali e retrodunali, quali, ad esempio, Dune costiere con Juniperus spp., Dune mobili del cordone litorale con presenza di Ammophila arenaria (dune bianche) e Dune fisse del litorale di Crucianellion maritimae.