Home » Vivere il Parco » Itinerari » Tenuta di San Rossore

Bosco della Maddalena, Paduletto

A piedi         Elevato interesse: flora Elevato interesse: fauna Elevato interesse: bird watching Elevato interesse: fotografia 
  • Tempo di percorrenza: 2 ore
  • Tipologia di visita: libera

L'itinerario si svolge interamente nella zona accessibile al pubblico ed è mirato alla conoscenza delle zone umide delle lame interne, dove possiamo ammirare un tipico bosco meso-igrofilo ad ontani neri, pioppi bianchi e frassino ossifillo.

Addentrandosi nel bosco della Maddalena, tipico di latifoglie e pino domestico, raggiungiamo il Fiume Morto Nuovo al Ponte della Sterpaia e ci inoltriamo in un ampio sentiero parzialmente sterrato, che corre parallelo al fiume stesso. Il percorso permette di intravedere un'area umida interna al bosco con vegetazione a giunchi e carici, caratterizzata da un ristagno di acqua più o meno perenne, che si riduce fortemente o si asciuga solo in piena estate calda. Nella fascia di transizione tra bosco e palude sono presenti estese zone di cannuccia di palude. Il sentiero si allontana lentamente dall'alveo del fiume e incrocia il percorso accessibile "Sabrina Bulleri" che permette di raggiungere una delle lame più spettacolari: La Buca delle ghiande, zona privilegiata per l'osservazione di varie specie di anatre nidificanti nella tenuta. Dalla parte opposta del sentiero si apre un'altra estesa zona palustre, Buca di Cacciamani, visibile dai capanni di osservazione. Proseguendo il cammino si raggiunge la località la Pineta vecchia area di raccolta delle pigne. Il rientro avviene lungo lo stesso percorso.